cosa sono i tool

Cosa sono i tool e altre domande frequenti

Cerchiamo di dare una risposta alle domande più frequenti riguardo ai tool e al loro utilizzo

Cosa sono i tool

Termine inglese, Tool significa letteralmente strumento, utensile. In ambito informatico e digitale la definizione che viene data è “programma o insieme di programmi che hanno un compito preciso, utili per uno scopo determinato”. Si tratta sostanzialmente di software che hanno una funzione specifica. Si differenziano dalle altre tipologie di software essenzialmente per l’ambito applicativo che coprono, ridotto rispetto ai tradizionali sistemi come Microsoft Office, oppure le suite di Adobe. Negli ultimi tempi c’è stato un grande sviluppo di questo tipo di software, tanto che alcune tipologie di tool coprono uno spettro molto ampio di funzionalità.

Come utilizzare i tool

Trattandosi di software, è necessario un dispositivo che permette l’interazione tra l’individuo e la macchina, questi possono essere computer desktop o laptop, tablet, smartphone. Per ogni tipologia di dispositivo le aziende produttrici distribuiscono una o più versioni del proprio software:

  • Versione in cloud – Accessibile da browser internet via computer desktop o laptop, alcune a volte anche tramite browser di device mobili. I calcoli vengono eseguiti nel cloud.
  • Versione on premise – Si installa sulle macchine desktop o laptop e viene eseguito direttamente in locale.
  • Versione specifica per mobile – Applicazioni mobile native da utilizzare con smartphone o tablet.

Quanto costano i tool

Difficile fare una generalizzazione, trattandosi di prodotti molto diversi fra loro. Possiamo però identificare quelli che sono i piani di offerta dei tool:

  • Free – completamente gratuito, di solito questa tipologia di pricing è soggetta a cambiamenti nel corso del tempo, ed ha natura temporanea.
  • Freemium – Il tool viene offerta in modalità gratuita con alcune funzionalità limitate, per i piani a pagamento viene ampliato il set di funzioni disponibili o alcune metriche di calcolo.
  • Premium – Software che non prevede piani gratuiti, ma esclusivamente a pagamento.
  • Trial – Un periodo di prova del tool, di solito tra i 7 e i 14 giorni, in modalità gratuita.

Le diverse versioni dei tool

Possiamo utilizzare un software anche prima della sua effettiva uscita sul mercato, grazie alle versioni beta. Questo stadio di evoluzione offre una versione ancora instabile e non completa del software. Quando un software esce sul mercato le diverse versioni vengono numerate in modo progressivo: 1.0, 1.1, 1.2. Una volta che viene rilasciata una nuova versione con aggiornamenti consistenti, viene numerata la cifra iniziale: 2.0, 3.0, etc.

I tool vengono immessi sul mercato con queste modalità:

  • Closed beta – primissima versione, simile a un MVP o prototipo, destinata a pochi selezionati utenti (do solito micro influencer di settore o amici/parenti). Le aziende produttrici utilizzano questa modalità per ottenere feedback e risolvere bug o errori.
  • Open beta – Versione iniziale ma comunque stabile. Ci si può iscrivere e testare il prodotto. Viene utilizzata per avere una base utenti più ampia su cui fare test e ricevere pareri.
  • Build – Versione definitiva (anche se i software definitivi non lo sono mai) del prodotto. Una volta che è in versione build un software si può catalogare come effettivamente presente sul mercato.

Cosa sono le licenze dei tool

Quando acquistiamo un prodotto o un servizio, questo viene dotato di una licenza che ne attesta il possesso e che limita gli utilizzi che se ne possono fare, per esempio non può essere rivenduto a terzi, non può essere personalizzato, etc. Sono diverse le modalità con cui i software offrono le proprie licenze:

  • On premise – Software da installare sulla propria macchina, pensiamo ai “vecchi” applicativi office su cd o Dvd, che venivano installati sul computer.
  • Saas – Sevizio o prodotto fornito tramite canone mensile o annuale in abbonamento. In fase di acquisto l’utente sceglie il piano da sottoscrivere e compra un abbonamento della durata variabile (spesso con sconti per chi acquista un piano almeno annuale).
  • Lifetime –  Acquisto di una licenza “per tutta la vita” di un tool Saas (che avrebbe quindi un canone mensile). Questo tipo di offerta viene utilizzata per lanciare sul mercato nuovi software ed acquisire così utenti, utili a fornire opinioni sul prodotto. Questa modalità risulta anche utile per avere un round alto di fatturazione, magari in vista di una presentazione ad un investitore: più utenti e maggior fatturato.

Dai un’occhiata alla pagina dei tool in offerta per risparmiare sui software per la tua azienda.